Il chiodo “CLOS” nelle fratture diafisarie di tibia