Breve commento alle considerazioni di Daniele Dalli