Euro e mercati globali: il caso dei beni problematici