Sui calcolatori algebrici non programmabili nella Scuola Media