Dalla "verità" alla "coerenza". La "rivoluzione non-euclidea"