L'apertura di un a-venire tra Leopardi, Montale e Zanzotto