Studio epidemiologico condotto su un gruppo di 635 pazienti afferiti ad un reparto di disordini temporomandibolari