«La notte è un brutto posto per litigare». Malerba e il gioco della realtà