«Un nastro labile, sensuale, trasparente». Appunti su Barilli e il cinema