Testori alla periferia del romanzo. Appunti su "Il fabbricone"