«Perché vedono un altro polo». Per Virgilio Malvezzi, fra politica e morale