«In questa grande campagna distrutta». Roversi e il paesaggio neoindustriale degli anni Sessanta