“Incantato anch’io dai miei pensieri”. La dimensione allucinatoria del fantastico di Giuseppe Antonio Borgese