"Post hoc ergo propter hoc": a proposito di accertamento del nesso causale e colpa medica