Insegnare la lingua italiana con o senza le tecnologie? Alla ricerca di un possibile minimo comune denominatore