Il poeta islandese Baldur Ragnarsson e il sogno di un Nobel esperantofono. Un ricordo a due anni dalla scomparsa