Il topo di Gadda e Maupassant