«In quel caos di carte»: i manoscritti manzoniani tra filologia e catalogazione