La tutela dei diritti della difesa, in materia tributaria, alla stregua del diritto dell’Unione europea, è sempre più ricca di sfaccettature, è in continua evoluzione e richiede un monitoraggio costante della pertinente giurisprudenza della Corte di giustizia, al fine di intercettare, in senso dinamico, la traiettoria evolutiva dell’evoluzione in atto. In questo articolo sono esaamente sulla sua sfera giuridica, il diritto di accesso al fascicolo contenente gli elementi e i documenti relativi all’indagine fiscale nei confronti dello stesso soggetto e il vaglio del giudice (calibrato sull’atto impugnato, ovvero sulla decisione amministrativa), nel panorama di un processo equo, suscettibile di garantire in modo effettivo la parità delle armi e il contraddittorio tra le parti. L’esame di questi profili evidenzia come la tutela dei diritti della difesa, in materia tributaria, quale principio generale dell’Unione, è poliedrica e, segnatamente, permea trasversalmente la fase amministrativa dei controlli e delle indagini dell’autorità fiscale a carico del soggetto passivo, fino a caratterizzare il processo tributario, che deve svolgersi in modo equo, innanzi a “un giudice indipendente e imparziale”, come recita l’art. 47, par. 2 della Carta dei diritti fondamentali. La prospettiva è quella di estrapolare gli elementi di maggiore interesse, in egual misura sul piano teorico e pratico, in modo particolare ai fini dell’ordinamento tributario italiano ed emerge che quest’ultimo, per certi aspetti, non è allineato rispetto al modello di tutela dei diritti fondamentali scolpito dalla Corte di giustizia, ad esempio, con riferimento al diritto del soggetto passivo di essere ascoltato.

I DIRITTI DELLA DIFESA, IN MATERIA TRIBUTARIA, ALLA STREGUA DEL DIRITTO DELL’UNIONE EUROPEA E, SEGNATAMENTE, IL “DROIT D’ÊTRE ENTENDU” E IL DIRITTO AD UN PROCESSO EQUO / Comelli, Alberto. - In: DIRITTO E PRATICA TRIBUTARIA. - ISSN 0012-3447. - XCI:4/2020(2020), pp. 1315-1346.

I DIRITTI DELLA DIFESA, IN MATERIA TRIBUTARIA, ALLA STREGUA DEL DIRITTO DELL’UNIONE EUROPEA E, SEGNATAMENTE, IL “DROIT D’ÊTRE ENTENDU” E IL DIRITTO AD UN PROCESSO EQUO

ALBERTO COMELLI
2020

Abstract

La tutela dei diritti della difesa, in materia tributaria, alla stregua del diritto dell’Unione europea, è sempre più ricca di sfaccettature, è in continua evoluzione e richiede un monitoraggio costante della pertinente giurisprudenza della Corte di giustizia, al fine di intercettare, in senso dinamico, la traiettoria evolutiva dell’evoluzione in atto. In questo articolo sono esaamente sulla sua sfera giuridica, il diritto di accesso al fascicolo contenente gli elementi e i documenti relativi all’indagine fiscale nei confronti dello stesso soggetto e il vaglio del giudice (calibrato sull’atto impugnato, ovvero sulla decisione amministrativa), nel panorama di un processo equo, suscettibile di garantire in modo effettivo la parità delle armi e il contraddittorio tra le parti. L’esame di questi profili evidenzia come la tutela dei diritti della difesa, in materia tributaria, quale principio generale dell’Unione, è poliedrica e, segnatamente, permea trasversalmente la fase amministrativa dei controlli e delle indagini dell’autorità fiscale a carico del soggetto passivo, fino a caratterizzare il processo tributario, che deve svolgersi in modo equo, innanzi a “un giudice indipendente e imparziale”, come recita l’art. 47, par. 2 della Carta dei diritti fondamentali. La prospettiva è quella di estrapolare gli elementi di maggiore interesse, in egual misura sul piano teorico e pratico, in modo particolare ai fini dell’ordinamento tributario italiano ed emerge che quest’ultimo, per certi aspetti, non è allineato rispetto al modello di tutela dei diritti fondamentali scolpito dalla Corte di giustizia, ad esempio, con riferimento al diritto del soggetto passivo di essere ascoltato.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11381/2879938
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact