L’identità della “Tommaseo” e i maestri cattolici