Architettura, Globalizzazione e Information Technology: “Back to the Future”?