Tra standardizzazione e mondi vitali