Dominazione come espropriazione: un'ipotesi per il rilancio della teoria critica