La tensione tra principio della lex mitior e limite del giudicato: la Corte europea elude un confronto diretto con il problema