Propaganda di regime tra centro e periferia Una celebrazione “locale” della 'romanità fascista'