L’udienza “in gabbia” fra esigenze di sicurezza, dignità del detenuto ed effettività della difesa