Raul Leal, il gruppo di “Orpheu” e l’opzione dell’autoesilio