Brentano, Husserl e l'etica formale