Le parole «solenni» della «Chioma» e il nuovo linguaggio poetico foscoliano