IL TRATTAMENTO DEL "FURTO DELLA SUCCLAVIA"