Attraverso Su misura, un servizio informatizzato di valutazione degli apprendimenti messo a punto dalla casa editrice Anicia, negli ultimi 4 anni sono stati svolti numerosi interventi di formazione e di ricerca-azione con insegnanti della scuola primaria e secondaria. Nel contributo si presenta un’ipotesi di classificazione dei bisogni formativi dei docenti in quattro tipi che non sono mutuamente esclusivi: i noti bisogni docimologici, dei quali verrà sottolineata solo l’esistenza; gli idola mentis, che affondano le loro radici nella mancanza di conoscenze o in misconcezioni di natura epistemologica, teorica e metodologica; le insidie categoriali, prodotte dalle formazioni discorsive egemoni; infine, gli effetti perversi, rappresentati da comportamenti adattivi imprevisti e non auspicabili. La tesi che si tenta di dimostrare è che la strada principale per soddisfare questi stessi bisogni è rappresentata da un curriculum formativo che lasci largo spazio alle attività laboratoriali transdisciplinari, dove le linee di confine tra diverse discipline scientifiche – come la filosofia, l’economia, la pedagogia, la didattica, la docimologia, la sociologia, la psicologia – siano sistematicamente e creativamente violate.

Linee di confine. Laboratori transdisciplinari nella formazione iniziale degli insegnanti / Giacomantonio, Andrea. - In: FORMAZIONE & INSEGNAMENTO. - ISSN 2279-7505. - XV:3(2017), pp. 45-56.

Linee di confine. Laboratori transdisciplinari nella formazione iniziale degli insegnanti

Giacomantonio Andrea
2017

Abstract

Attraverso Su misura, un servizio informatizzato di valutazione degli apprendimenti messo a punto dalla casa editrice Anicia, negli ultimi 4 anni sono stati svolti numerosi interventi di formazione e di ricerca-azione con insegnanti della scuola primaria e secondaria. Nel contributo si presenta un’ipotesi di classificazione dei bisogni formativi dei docenti in quattro tipi che non sono mutuamente esclusivi: i noti bisogni docimologici, dei quali verrà sottolineata solo l’esistenza; gli idola mentis, che affondano le loro radici nella mancanza di conoscenze o in misconcezioni di natura epistemologica, teorica e metodologica; le insidie categoriali, prodotte dalle formazioni discorsive egemoni; infine, gli effetti perversi, rappresentati da comportamenti adattivi imprevisti e non auspicabili. La tesi che si tenta di dimostrare è che la strada principale per soddisfare questi stessi bisogni è rappresentata da un curriculum formativo che lasci largo spazio alle attività laboratoriali transdisciplinari, dove le linee di confine tra diverse discipline scientifiche – come la filosofia, l’economia, la pedagogia, la didattica, la docimologia, la sociologia, la psicologia – siano sistematicamente e creativamente violate.
Linee di confine. Laboratori transdisciplinari nella formazione iniziale degli insegnanti / Giacomantonio, Andrea. - In: FORMAZIONE & INSEGNAMENTO. - ISSN 2279-7505. - XV:3(2017), pp. 45-56.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2017_Giacomantonio_Linee_confine.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: Versione (PDF) editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 1.22 MB
Formato Adobe PDF
1.22 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/2839084
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact