Un insolito triangolo letterario: Plauto, Querolus e Vitale di Blois