Lo stato vegetativo permanente: una questione bioetica aperta.