Gli Autori, prendendo spunto da un caso peritale, pongono in risalto il contrasto esistente tra norme deontologiche e giuridiche, laddove queste ultime imporrebbero al sanitario di astenersi sempre da qualsiasi azione clinico-terapeutica in assenza di esplicito consenso valido del paziente. Cionostante rimane obbligo del medico di attenersi in primo luogo alle indicazioni etiche della professione che orientano l'applicazione delle norme giuridiche e di invocare lo stato di necessità soltanto qualora il soggetto versi in uno stato di incoscienza.

Il rifiuto della terapia trasfusionale in pazienti testimoni di Geova: considerazioni medico-legali su di un caso peritale / CIPOLLONI L; R. CECCHI. - In: RIVISTA ITALIANA DI MEDICINA LEGALE. - ISSN 1124-3376. - 21(1999), pp. 505-517.

Il rifiuto della terapia trasfusionale in pazienti testimoni di Geova: considerazioni medico-legali su di un caso peritale

CECCHI, Rossana
1999

Abstract

Gli Autori, prendendo spunto da un caso peritale, pongono in risalto il contrasto esistente tra norme deontologiche e giuridiche, laddove queste ultime imporrebbero al sanitario di astenersi sempre da qualsiasi azione clinico-terapeutica in assenza di esplicito consenso valido del paziente. Cionostante rimane obbligo del medico di attenersi in primo luogo alle indicazioni etiche della professione che orientano l'applicazione delle norme giuridiche e di invocare lo stato di necessità soltanto qualora il soggetto versi in uno stato di incoscienza.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11381/2824083
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact