La Consulta accantona la prevedibilità delle nuove contestazioni e compie un'incursione sul diritto vivente