Riprogettare i luoghi della formazione: gli spazi della nuova scuola italiana