Il materiale di studio lasciatoci in eredità da Emilio Sereni (1907-1977), politico e studioso enciclopedico di fama internazionale, è conservato presso due diverse istituzioni: l’Istituto Cervi-Biblioteca/archivio Emilio Sereni di Gattatico (Reggio Emilia) e la Fondazione Gramsci (Roma). Nei rispettivi archivi è possibile ritrovare documentazione utile alla ricostruzione del metodo scientifico adottato da Sereni e delle fonti da lui utilizzate per i lavori storici sul paesaggio. A Roma, in particolare, sono conservati alcuni dattiloscritti tra i quali una Guida bibliografica, qui presentata, che Sereni aveva predisposto in vista della pubblicazione del suo saggio più noto: Storia del paesaggio agrario italiano (1961), poi uscito senza apparato bibliografico e note. La Guida rivela i presupposti teorici dell’opera di Sereni e, per il contesto che qui ci interessa, il rilievo da lui attribuito ai lavori di geografi e storici italiani e francesi (tra questi Marc Bloch), considerati «i pionieri degli studi di storia del paesaggio agrario in Italia».

Emilio Sereni e gli orizzonti del paesaggio agrario. Tracce archivistiche e bibliografiche di un percorso tra storia e geografia / Gemignani, CARLO ALBERTO. - In: RIVISTA GEOGRAFICA ITALIANA. - ISSN 0035-6697. - 125:2016(2016), pp. 503-524.

Emilio Sereni e gli orizzonti del paesaggio agrario. Tracce archivistiche e bibliografiche di un percorso tra storia e geografia

GEMIGNANI, CARLO ALBERTO
2016-01-01

Abstract

Il materiale di studio lasciatoci in eredità da Emilio Sereni (1907-1977), politico e studioso enciclopedico di fama internazionale, è conservato presso due diverse istituzioni: l’Istituto Cervi-Biblioteca/archivio Emilio Sereni di Gattatico (Reggio Emilia) e la Fondazione Gramsci (Roma). Nei rispettivi archivi è possibile ritrovare documentazione utile alla ricostruzione del metodo scientifico adottato da Sereni e delle fonti da lui utilizzate per i lavori storici sul paesaggio. A Roma, in particolare, sono conservati alcuni dattiloscritti tra i quali una Guida bibliografica, qui presentata, che Sereni aveva predisposto in vista della pubblicazione del suo saggio più noto: Storia del paesaggio agrario italiano (1961), poi uscito senza apparato bibliografico e note. La Guida rivela i presupposti teorici dell’opera di Sereni e, per il contesto che qui ci interessa, il rilievo da lui attribuito ai lavori di geografi e storici italiani e francesi (tra questi Marc Bloch), considerati «i pionieri degli studi di storia del paesaggio agrario in Italia».
Emilio Sereni e gli orizzonti del paesaggio agrario. Tracce archivistiche e bibliografiche di un percorso tra storia e geografia / Gemignani, CARLO ALBERTO. - In: RIVISTA GEOGRAFICA ITALIANA. - ISSN 0035-6697. - 125:2016(2016), pp. 503-524.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11381/2815665
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact