Gli ingredienti necessari per la ricetta di una «buona» autonomia scolastica