Convalida e vizi sostanziali: un'ipotesi ricostruttiva