«Animus remanendi»: una aporia nel ius postliminii della tarda antichità?