L’opera di una tragicienne. "Anna Bolena" per Giuditta Pasta