Visione, erudizione e ironia. L’atlante dei luoghi immaginari