Sulla fotografia di Ferdinando Scianna, o sulla fotografia come racconto della realtà