Senza nome. L'irriconoscibile in Antonella Anedda