Sull'ontologia di Gilberto Porretano