Ockham, i canonisti e l’atomismo dei diritti soggettivi