Le lettrici di fine Ottocento tra perdizione ed emancipazione