Il fantastico come rivelazione dell'invisibile in Remigio Zena