L'articolo stila un bilancio dei primi 50 anni di vita di un istituto (il nulla osta cinematografico) che, sebbene meno rilevante oggi nella prassi rispetto a un tempo, conserva forti ragioni di interesse sotto il profilo astratto, in quanto situato al crocevia fra diritti costituzionalmente garantiti ed esigenze di controllo istituzionale sulla manifestazione del pensiero.

La censura cinematografica fra valori costituzionali e giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo / BASSI N.. - In: RIVISTA TRIMESTRALE DI DIRITTO PUBBLICO. - ISSN 0557-1464. - (2013), pp. 921-946.

La censura cinematografica fra valori costituzionali e giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo

BASSI, Nicola
2013

Abstract

L'articolo stila un bilancio dei primi 50 anni di vita di un istituto (il nulla osta cinematografico) che, sebbene meno rilevante oggi nella prassi rispetto a un tempo, conserva forti ragioni di interesse sotto il profilo astratto, in quanto situato al crocevia fra diritti costituzionalmente garantiti ed esigenze di controllo istituzionale sulla manifestazione del pensiero.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11381/2707905
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact