Diversus, dissimilis: a proposito di amor e amicitia nella Lettera 35 di Seneca